Electa

 
La cultura batte il tempo

Il progetto di Parma Capitale Italiana della Cultura 2020+21.
Il volume raccoglie le ragioni e le iniziative del progetto Parma Capitale Italiana della Cultura 2020+21. Sono raccontati, attraverso le azioni concrete degli ultimi quattro anni di vita culturale della città, i modi e le pratiche attraverso cui un sistema di istituzioni, enti culturali, associazioni e imprese private ha impostato un nuovo metodo di lavoro comune destinato a durare nel tempo e che ha permesso al progetto Parma 2020+21 di acquisire il successo che tutti le riconoscono.
La nuova identità visiva di Parma 2020+21, che resterà in eredità al territorio come brand collettivo, è frutto della proficua collaborazione con EdenSpiekermann, agenzia internazionale specializzata in brand identity di città, e il suo fondatore Erik Spiekermann, uno dei più noti graphic designer e disegnatore di caratteri tipografici al mondo, che ha dedicato la sua esperienza e il suo background a Parma, consegnando alla città un’identità visiva dal carattere cosmopolita.
L'immagine del progetto è stata affidata alle illustrazioni di Francesco Ciccolella capace di strutturare il messaggio, fissandolo nella memoria delle persone. Ciccolella è stato premiato dall’American Illustration and American Photography (AI-AP) come illustratore dell’anno nel 2017, 2018, 2019 e nel 2020 ha vinto il premio proprio con due illustrazioni della serie creata per Parma Capitale Italiana della Cultura 2020+21.
 
Voi siete qui

City Branding: lo scenario italiano e i progetti di Edenspiekermann per Amsterdam, Santa Monica e Parma.
In occasione delle celebrazioni per Parma Capitale Italiana della Cultura 2021, il programma di eventi e manifestazioni si arricchisce con il convegno e progetto espositivo Voi siete qui. City Branding: lo scenario italiano e i progetti di Edenspiekermann per Amsterdam, Santa Monica e Parma, promosso da CSAC - Centro Studi e Archivio della Comunicazione dell’Università di Parma e prodotto dal Comitato per Parma 2020, con l’organizzazione di Electa.

Per sviluppare i temi editoriali, l’auditorium Green Life di Crédit Agricole a Parma ha ospitato, giovedì 16 dicembre 2021, il convegno Voi siete qui.

L’iniziativa vedrà coinvolti alcuni dei protagonisti che hanno indagato il tema del City Branding, tra cui Gianni Sinni, Marco Tortoioli Ricci, Christian Hanke e Cinzia Ferrara, insieme ad alcuni sindaci delle città studiate. Il dibattito è stato moderato da Filiberto Molossi della Gazzetta di Parma.

Allestita nei suggestivi spazi dell’Abbazia di Valserena presso lo CSAC - Centro Studi e Archivio della Comunicazione dell’Università di Parma, la mostra riunisce una selezione puntuale di progetti dedicati al City Branding italiano, insieme all’esperienza internazionale dello studio Edenspiekermann che presenta i casi studio di Parma, Amsterdam e Santa Monica.
La mostra esplora l’idea del City Branding e propone al pubblico esempi significativi di un importante fenomeno contemporaneo che trova il suo sviluppo in diversi ambiti di ricerca, dal marketing all’urbanistica, dalle scienze sociali al design, con l’obiettivo d’indagare le strategie di comunicazione racchiuse dietro la costruzione dell’identità visiva di una città.
Scopri le altre attività che abbiamo progettato per Parma Capitale Italiana della Cultura 2021.
 
1960 L'anno dei re a Napoli

Napoli, il boom economico italiano, le Olimpiadi e un ballo.
Era l’Italia del boom economico, e Napoli in quei giorni fu non solo il crocevia di una mondanità elegante e sfarzosa, ma anche il luogo dove si ritrovò la classe dirigente della futura Europa. Il Ballo ebbe dunque una risonanza straordinaria, non solo in Italia: i giornali lo dichiararono “evento mondano del secolo” ed esso suscitò invidie, gelosie, attriti tra case regnanti e polemiche anche politiche. Fu uno straordinario fatto di costume, e una miniera di aneddoti, retroscena, curiosità.

1960, L’anno dei Re a Napoli” vuole raccontare questo momento cruciale della storia della città e dell’Italia.
Gli interni del volume.
Maria Callas al tavolo del ricevimento.
Il progetto si basa su una vastissima documentazione fotografica e giornalistica dell’epoca, e raccoglie i documenti e tutto il materiale inerente il Ballo – a cominciare dai relativi carteggi riservati autografi – e la storia del Palazzo prima e dopo l’evento del 1960, fino alle carte originali della donazione allo Stato. Una grande ricostruzione, all’interno di una cornice storico-culturale più ampia, che include le Olimpiadi di Roma, la dolce vita e le tante vicende di costume dell’anno di svolta 1960. Un progetto articolato, per l’immagine di Napoli e per il restauro di una delle sue dimore storiche e architettoniche più significative, con investimenti privati internazionali e la mobilitazione di energie locali. Un messaggio di bellezza e di speranza per riportare il capoluogo partenopeo tra le grandi città del Mediterraneo.

Una grande Esposizione di un mese, curata e allestita con il supporto di Electa, aperta al pubblico nella primavera del 2011Palazzo Serra di Cassano. È stato richiesto l’Alto patronato della Presidenza della Repubblica, oltre che il patrocinio del Comitato olimpico italiano (CONI), che fu protagonista all’epoca dei Giochi di Roma. Una serie di eventi culturali hanno caratterizzato il periodo della Mostra a Palazzo Serra: dibattiti, presentazioni di libri e incontri finalizzati a promuovere il restauro del Palazzo e la questione della manutenzione delle dimore storiche con finalità educative.
Condividi facebook share twitter share pinterest share
Omega-net - Internet Partner